top of page

L’autunno nell’anima: hygge

Aggiornamento: 10 gen 2023

Solitamente le mezze stagioni sono quelle che si portano dietro un cambiamento radicale, e forse è proprio questo il motivo per il quale le amo così tanto; con l’arrivo dell’autunno tutto si riaddormenta, gli animali si preparano ad un lungo letargo e noi esseri umani cerchiamo "emozioni" diverse, più intime e confortevoli rispetto a quelle frenetiche dell’estate appena terminata.

Il buio scende molto più velocemente e le nostre case diventano “nido” sicuro dove potersi rifugiare dopo una giornata di lavoro e/o studio.

Vengono riprese vecchie abitudini abbandonate l’anno precedente: io personalmente sono molto più ispirato in cucina, l’estate smorza ogni mio tipo di creatività...

L'autunno spinge alla ricerca di una "felicità quotidiana" dovuta dalle piccole cose che ci circondano: che sia un pomeriggio speso a leggere un libro o a preparare una torta, che sia prendersi 10 minuti al giorno per dedicarsi alle piante di casa(...) queste cose aiutano a rendere il passare delle giornate più piacevole e contribuiscono a generare un "senso di appagamento" nel lungo periodo.

In danese questo senso di appagamento viene chiamato "hygge".

Non per nulla il popolo danese viene considerato tra i più felici del mondo: per essere "hyggelig" bisogna concentrarsi su cose semplici che fanno star bene, circondarsi di spazi accoglienti dove poter godere di quel senso di appagamento quotidiano di cui stiamo parlando e che la vita offre.


Ma quali sono gli elementi capaci di farci entrare a pieno nello "spirito hygge"?


  • LA LUCE: come dicevo all'inizio dell'articolo, in autunno le giornate diventano molto più corte, il buio scende molto più velocemente e siamo costretti a godere per molte più ore della luce artificiale nelle nostre case. Diventa fondamentale la scelta del tipo di luce che deve necessariamente essere calda e soffusa come quella che può venire da una lampada da parete. La stessa luce di candela o quella generata dalla fiamma del camino aiuta a ricreare un'atmosfera più intima e gradevole: osservare a lungo il morbido movimento della fiamma della candela può essere considerato un vero e proprio esercizio di meditazione.


IMperfect-design-DanieleVai-Hygge-stiledanese-stilehygge

  • LE TEXTURE: e per "texture" intendo dal rivestimento dei copriletti alla ceramica delle tazze da te: i materiali naturali come il cotone, la lana, il legno, la terra cotta o la ceramica sono fondamentali perché portano "dentro casa" quello che non possiamo avere in autunno e in inverno, cioè quegli elementi della natura che stanno fuori e che viviamo meno.


IMperfect-design-DanieleVai-hygge-stilescandinavo-danese-texture

  • LE COSE COMODE: come dice Lyndsey Matthews in un articolo di Elle Decor "i pantaloni della tuta sono hygge": coperte xl, maglioni e calzini enormi sono i benvenuti e aiutano a definire più che mai il vero senso di hygge.


IMperfect-design-DanieleVai-Hygge-danese-danimarca

In poche parole, se decidi di essere al 100% hygge devi ricordarti di apprezzare ciò che c'è di più semplice nella vita di tutti i giorni, evita le discussioni rancorose, prenditi del tempo per te e allo stesso modo condividi del tempo con chi vuoi facendo cose semplici e capaci di arricchirti l'anima.


Anche te in autunno entri facilmente (come me) in questo "spirito hygge"?

Fammi sapere nei commenti cosa ne pensi e non dimenticare di mettere like se l'articolo ti è sembrato interessante!




45 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Comments


bottom of page