top of page

ADI, il museo del design


Gio Ponti


Nel 1954 nasce quello che per tutti i designer è il raggiungimento di un sogno: Gio Ponti ha l’idea di premiare attraverso un riconoscimento ufficiale (promosso dal Ministero dei Beni Culturali) progetti di design capaci di distinguersi dagli altri per la loro grande qualità e innovazione.

È così che il premio “Compasso d’Oro” nasce; è l’epoca dove il design Italiano ha fatto scuola al mondo, un’epoca dove i designer erano capaci di intuire i problemi sociali e personali che i cittadini erano obbligati ad affrontare tutti i giorni in casa, a lavoro o per la città.


Quasi 70 anni dopo, “l’Associazione per il disegno industriale” (ADI), detentrice del patrimonio culturale e storico del premio “Compasso d’Oro” decide di aprire il suo museo a chiunque desiderasse scoprire ma soprattutto vedere con i propri occhi tutti quei progetti cardine che hanno fatto la storia e che siamo più facilmente abituati a vedere sulle riviste specializzate o sui libri: stiamo parlando di un vero e proprio viaggio nel tempo organizzato lungo un percorso lineare che parte dal 1954 e arriva sino ai giorni nostri che approfondisce momenti, progetti e bisogni della società lungo la storia.


Chi è stato a Roma ed è entrato nel Pantheon può capire l’atmosfera che voglio cercare di ricreare: l’ampiezza degli spazi aperti lo fa sembrare una specie di tempio, la luce velata che entra dalle grandi vetrate frontali ti spinge caldamente dentro, e sarà la fortuna di averlo visitato durante la settimana, ma la presenza di quei pochissimi visitatori mi ha dato modo di potermi soffermare a lungo su tutto ciò che mi circondava, lasciandomi trasportare completamente. La scimmietta Zizi di Bruno Munari, l’iconica lampada parentesi di Castiglioni e Pio Manzù, così come la tanto imitata lampada ad arco o le riviste di MODO di Alessandro Mendini accompagnano il visitatore fino alla fine di questo percorso visivo impressionante pieno di colori e concetti che hanno fatto la storia dell’Italia e del mondo negli anni.


Periodicamente vengono organizzate in una seconda area esposizioni molto interessanti e specifiche su uno o più artisti e designer.


Chiaramente lo reputo una tappa fondamentale soprattutto per chi studia design o per chi è designer, ma lo consiglio vivamente anche a tutti gli appassionati del bello e dell’arte in generale. E perché no, lo consiglio anche ai più scettici che magari sottovalutano l’importanza (in realtà fondamentale) che ha il design nella nostra vita e che potrebbero stupirsi del fatto che anche una penna bic è un prodotto di design.


Fammi sapere qui sotto con un commento se presto o tardi hai intenzione di dedicarti a questa visita, se l’hai già fatto o se ti ho fatto venir voglia io di farlo. Se ti va lascia un like e condividi questo articolo sui social se pensi che possa servire come ispirazione a qualcuno.


Qui sotto lascio il link al sito e qualche informazione logistica in più sul museo!


 

Il museo si trova a 13 minuti circa a piedi dalla fermata "MOSCOVA" sulla linea 2 (VERDE) della metro di Milano, se invece si scende a "GARIBALDI" (sempre metro VERDE o LILLA) i minuti diventano 15.


Il biglietto ha un costo di 12 euro intero e 9 ridotto. È possibile entrare gratuitamente solo se si soddisfano certi requisiti come: essere soci ADI, titolari di tessera Abbonamento Musei, accompagnatori di portatori di handicap, bambini di età inferiore ai 10 anni, ecc. Per maggiori informazioni consultare direttamente il sito!






Post recenti

Mostra tutti
bottom of page